Dr. Pierpaoli – Melatonina svizzera
Follow us on YouTube
Italiano

La Scoperta dell’Orologio Biologico della Vita

spaziatore
spaziatore
spaziatore
spaziatore
LA SCOPERTA DELL'OROLOGIO BIOLOGICO DELLA VITA OVVERO: LA MELATONINA PROLUNGA LA VOSTRA VITA (CHE LO CREDIATE O NO!)
 
Walter PierpaoliFondazione INTERBION per la Ricerca Biomedica di Base e Jean Choay Institute for Neuroimmunomodulation, 6826 Riva San Vitale, Svizzera
spaziatore
spaziatore
spaziatore
spaziatore
spaziatore
Pannello 1 spaziatore Pannello 2
spaziatore
Attenzione:  questo articolo è stato stilato solo per le persone non specializzate ma in grado di apprezzarne e capirne la logica semplicità, e non per gli "esperti", la cui mente offuscata non permette la comprensione delle leggi semplici ma brillanti della Natura.

spaziatore
Pannello 3 spaziatore Pannello 4
spaziatore
spaziatore
spaziatore
spaziatore
La storia di Emmy
La mia prima suocera Emmy Hugly, che vive a Horw vicino a Lucerna in Svizzera, ha compiuto 96 anni, in perfetta salute e libera dal Parkinson da oltre 20 anni, e con nessuna intenzione di rassegnarsi (a sentirsi decrepita)!  La sua storia è narrata brevemente nella "Fonte della Giovinezza"  (Rizzoli Editore, Milano, traduzione italiana del bestseller mondiale "The Melatonin Miracle", Simon & Schuster, New York, 1995) (1). Emmy corre ogni giorno a fare le spese, e quando festeggiamo i suoi compleanni, le piace molto ballare,suonare il  piano e cantare. Io la visito di tanto in tanto e registro sia le sue condizioni di salute che il suo comportamento con una videocamera. Emmy sarebbe felice di ricevere visitatori e giornalisti in casa sua. Essi sarebbero ricevuti entusiasticamente! Emmy preparerà per loro del tè eccellente e lo servirà senza tremori e guizzi alle mani, come sarebbe stato 20 anni fa, quando Emmy soffriva di un Parkinson grave e in rapido peggioramento.Emmy è certamente la persona che, nel mondo, ha assunto la melatonina più a lungo di chiunque altro. Ha iniziato nei primi anni ottanta dell'ultimo secolo, quando Le raccontai dei miei esperimenti con topolini senescenti e come la somministrazione notturna di melatonina nell'acqua da bere producesse un sorprendente ringiovanimento, che si traduceva poi in un ritardo dell'invecchiamento e conseguente prolungamento della loro vita. Emmy mi chiese subito di dare anche a lei "le pillole" ed ha poi seguito religiosamente la mia prescrizione su come e quando assumerle.. Preparai io stesso per lei in laboratorio capsule di melatonina purissima da 3 milligrammi. Naturalmente Emmy assume ora la mia studiatissima formulazione, la  magica Melatonina Pierpaoli con zinco e selenio, come una specie di "rito serale" prima di coricarsi.Gli accaniti e avvelenati avversari dell'innocente melatonina dovrebbero farLe visita prima che il programma della loro vita sia giunto a termine! Naturalmente la lezione che possiamo trarre da Emmy è ciò che ho ripetuto molte volte a mò di "grido nel deserto" in numerose Conferenze Internazionali (3-5): possiamo notare una inversione del processo di invecchiamento nei topolini, che vivono da due a treanni, nel giro di sei mesi, ma per poterlo verificare negli uomini dobbiamo ovviamente attendere più a lungo! Nell'uomo, come posso oggi notare, il rallentamento dell'invecchiamento o la sua inversione sono drammaticamente evidenti dopo 5 o 10 anni! Fortunata lei, Emmy non ha voluto attendere il permesso degli "Organi di Controllo" in Svizzera prima di iniziare ad assumere melatonina; lei voleva semplicemente vivere più a lungo e senza la sgradita compagnia del signor Parkinson! Secondo i principi espressi dal grande antropologo americano Ashley Montagu nel suo famoso libro "Crescere Giovani" (6), Emmy è l'esempio emblematico vivente di una persona "neotenica" (che mantiene la sua giovanilità), nata giovane per rimanere giovane fino alla morte, l'opposto di una tipica personalità "necrofila" di una persona depressa e negativa, nata vecchia e permanentemente vecchia e senescente fino alla "liberazione" della morte. Penso che ognuno di noi ne conservi esemplari anche nella propria famiglia! Ovviamente ora in molti seguono il virtuoso esempio di Emmy, guadagnando nuova vitalità ogni giorno, mese e anno

spaziatore
Pannello 1 spaziatore Pannello 2
spaziatore
L'invecchiamento è semplicemente un programma neuro-ormonale del cervello!Infatti: il mantenimento della ciclicità (ritmi) ormonali diretti dall'asse ipotalamo-ipofisi-epifisi (i ritmi giorno-notte o circadiani, lunari e stagionali) e la loro costante sincronizzazione con le variabili delle leggi planetarie è la base essenziale della salute e della vita!
spaziatore
Pannello 3 spaziatore Pannello 4
spaziatore
torna in cima back top
spaziatore
Ogni istante della nostra vita giornaliera è completamente regolato e condizionato dalla ciclicità solare e lunare, dalla fertilizzazione dell'uovo fino all'ultimo respiro o battito cardiaco. Poiché ogni espressione di vita biologica  sul nostro pianeta è conformata e associata inestricabilmente alla periodicità solare e lunare, non ci si deve meravigliare che la sua evoluzione e il suo deterioramento, rappresentati chiaramente dalla nostra crescita, maturità, fertilità e finalmente dall'invecchiamento e dalla morte, sia governata da regole (programmi) estremamente dominanti in quanto programmati geneticamente. Questo aspetto è ampiamente rappresentato dalla dimostrazione che gli ormoni che regolano la fertilità e la riproduzione, sono gli stessi che controllano e regolano la capacità immunitaria! Ma la dominanza del sistema conferisce la priorità alla fertilità e alla procreazione, in quanto in tal modo la Natura garantisce la sopravvivenza di una specie (7). Mi sembra evidente che la logica inevitabilità di questo fatto si scontra con una illogica e ottusa opposizione di molti "dottori" e "scienziati", sconcertati da una soluzione tanto chiara e inaspettata (1,2). Questa situazione costituisce per me un enigma, molto più misterioso che non la dimostrazione chiara e ineccepibile di un "orologio" che scandisce i tempi della vita e della morte nella ghiandola pineale! E in particolare la totale assenza di qualsiasi esperimento contrario da parte di quelli che criticano il mio lavoro scientifico!
Si sa infatti bene che ogni tipo di critica è senza fondamento a meno che sia basata sulla ripetizione di esperimenti "dubbiosi", replicati con i medesimi metodi, e sulla loro pubblicazione in un giornale scientifico accreditato. C'è forse stato qualcuno che abbia replicato i miei esperimenti con la melatonina e il trapianto di pineale (8,9)? Credo proprio di no! Questo è un vero mistero del 20mo e 21mo secolo! Una tale domanda deve essere indirizzata in particolare a quei miei colleghi scienziati i quali, senza alcuna giustificazione di alcun tipo, hanno diffuso calunnie e false notizie nascondendosi dietro la cortina protettrice di "prestigiosi giornali" (10,11). Il loro comportamento deve essere condannato e reso pubblico perché i loro attacchi irrazionali e irresponsabili hanno causato un terribile danno a milioni di persone in tutto il mondo.
spaziatore
spaziatore
spaziatore
spaziatore
Perchè la melatonina prolunga la vostra vita?
La melatonina previene le malattie legate all'invecchiamento (auto-immunitarie, cardiovascolari, neurodegenerative e il cancro), ritarda il vostro invecchiamento e quindi automaticamente prolunga la vostra vita semplicemente impedendo e posticipando, se non bloccando totalmente, il progressivo deterioramento (perdità di sensibilità e quindi di risposta bidirezionale) del controllo centrale della regolazione ormonale ipotalamo-ipofisaria, come è stato descritto in modo straordinariamente preciso dal grande scienziato russo Vladimir M. Dilman (12). Tuttavia si deve capire che la melatonina non produce questi effetti direttamente, con meccanismo chimico o biochimico e tanto meno "ormonale",ma piuttosto in modo brillante e fuori dalle "regole" biochimiche, mantenendo la funzione pineale giovanile! Infatti ci sembra ovvio che la somministrazione notturna di melatonina non fa altro che impedire che la pineale stessa la produca e quindi "lavori".Ciò spiega anche perchè non esista un limite superiore di dosaggio in quanto, una volta raggiunti certi livelli fisiologici, la pineale viene "bloccata" e il resto viene eliminato per via renale. Questo spiega perché: meglio troppa melatonina che poca! Questo regolare ordine notturno "non lavorare" alla ghiandola pineale, non solo protegge il nostro orologio biologico o "direttore centrale ormonale", ma produce persino un recupero della sua capacità di regolare e modulare la ciclicità ritmica (notte-giorno) ormonale, al punto tale che la ghiandola pineale riacquista le sue funzioni giovanili! Ciò è dimostrato in modo quanto mai significativo dai miei esperimenti nei quali una ghiandola pineale giovane trapiantata in un recipiente molto più vecchio produce un prolungamento della vita (o ritardo dell'invecchiamento) a dir poco drammatico (8, 9). Poichè la ghiandola pineale trapiantata è certamente incapace di produrre essa stessa la melatonina a causa del fatto che è stata dissociata dalle sue normali connessioni nervose, ovviamente  "l'orologio centrale della vita" è localizzato nella pineale stessa ma il suo meccanismo non dipende direttamente dalla melatonina! Infatti la pineale che invecchia perde la sua capacità di produrre il picco notturno di melatonina, e questo è un segno chiaro del suo stesso invecchiamento. Perciò abbiamo ora dimostrato oltre ogni ragionevole dubbio che la melatonina somministrata, schermando la pineale attraverso il suo effetto protettivo sulla pineale stessa (che quindi non ne produce e si "riposa"), mantiene semplicemente la capacità della pineale giovane di controllare il rilascio ciclico (giorno-notte) di tutti gli ormoni, e lo fa mantenendo e impedendo l'invecchiamento della pineale stessa (8,9,13). Quindi, la ghiandola pineale non solo è il nostro "orologio centrale", ma anche induce attivamente il nostro invecchiamento nel corso della sua stessa vita, con i suoi programmi di "vita, invecchiamento e morte", come da noi dimostrato (14,15)). Sembra chiaro che i meccanismi che si sono evoluti geneticamente nella ghiandola pineale regolano il corso della nostra vita biologica e anche generano i segnali di"morte" alla fine del nostro "programma vitale uomo". Ciò è dimostrato negli esperimenti descritti in un recente lavoro (15). Perciò i meccanismi fondamentali del nostro invecchiamento devono essere ricercati nella ghiandola pineale e nei suoi legami con l'intero reticolo neuro-ormonale nel cervello (16). Noi invecchiamo perché il nostro "reticolo pinealico" è "programmato" a deteriorarsi (12) e perciò noi dobbiamo usare la melatonina esogena notturna al fine di mantenere l'integrità del nostro "orologio pinealico" e prevenire così il corso tipico della sindrome dell'invecchiamento all'interno della ghiandola pineale. Solo la melatonina pura e naturale (anche se prodotta ovviamente per sintesi chimica) è in grado di proteggere la ghiandola pineale dall'invecchiamento programmato!    
spaziatore
torna in cima back top
spaziatore
La protezione della pineale con la melatonina notturna previene tutte le malattie, cancro incluso!
La protezione della pineale con la melatonina notturna previene tutte le malattie, cancro incluso!Anche se può apparire stravagante a menti meno preparate, la risincronizzazione della ciclicità ormonale (o neuroendocrina che dir si voglia)  diretta dalla ghiandola pineale e il suo mantenimento mediante somministrazione notturna di melatonina, iniziando ad una età ancora giovanile (dai 30 ai 35 anni), manterrà inevitabilmente condizioni giovanili e impedirà l'insorgere di ogni tipo di malattia. Persino nelle condizioni stressanti della vita di oggi, e l'impatto di un numero enorme di "aggressori" ambientali di ogni tipo sulla nostra integrità biologica, la melatonina  proteggerà il nostro sistema di "sorveglianza immunologica", che consiste in una enorme varietà di cellule e fattori nel corpo che costantemente controllano e adattano il nostro corpo alle necessità contingenti. Il sistema immunitario è completamente dipendente e controllato dagli ormoni (17) e gli ormoni sono sotto l'assoluto e totale controllo del "reticolo pinealico"! Come è possibile immaginare l'insorgenza di malattie in una condizione di perfetto equilibrio immunologico? Ciò non significa affatto che noi possiamo curare tutte le malattie con la melatonina, ma possiamo tuttavia prevenirle tutte e, quando siano malauguratamente apparse, possiamo elaborare rapidamente un potentissimo sistema di emergenza e di resistenza basato su una serie di agenti immunopotenzianti atti a "ripristinare l'orologio centrale" e renderlo capace di ritardare e persino di arrestare il corso di tutte le malattie, sia le malattie neurodegenerative (come il Parkinson, la sclerosi multipla ed altre), le malattie cardiovascolari di ogni genere e finalmente il cancro. Questo concetto olistico della medicina ha ora finalmente trovato la sua base biologica e l'evidenza clinica!

spaziatore
spaziatore
spaziatore
spaziatore
torna in cima back top
spaziatore
Un modello ovvio: la menopausa
Quando abbiamo condotto a Roma al Centro per la Menopausa della Clinica "Madonna delle Grazie" il primo studio clinico con 140 donne di età tra i 42 ed i 62 anni, mostrando che la melatonina, nel corso di soli sei mesi, è in grado di invertire l'invecchiamento del tratto riproduttivo delle donne, eliminare tutti i disturbi neurovegetativi, ricostituire la funzione tiroidea, riportare le gonadotropine ipofisarie a livelli giovanili e persino restaurare la funzione ciclica mestruale in donne in perimenopausa o in menopausa da anni (18), eravamo ingenuamente felici di poter annunciare la notizia a tutte le donne, purtroppo non a lungo! Con nostra grande sorpresa e disappunto, quattro diversi giornali scientifici che trattano il tema (Menopausa, Giornale Europeo di Ostetricia e Ginecologia, Il New England Journal of Medicine and finalmente Sterilità and Fertilità, tre degli Stati Uniti ed uno europeo) si rifiutarono di pubblicare i nostri risultati conseguiti attraverso un ineccepibile, faticoso e costoso lavoro clinico "doppio-cieco e randomizzato". Le ragioni erano vaghe e disparate e un giornale ci fece attendere per un anno intero, chiedendo di apportare molti cambiamenti e aggiunte (cosa che facemmo) e alla fine dicendoci: non abbiamo spazio sufficiente! Ero un ingenuo: come potevo aspettarmi che tali giornali pubblicassero un lavoro che mostrava come la melatonina, una "semplice" ed economica molecola naturale, poteva sostituire e rendere inutili gli ormoni, ricostituendo e mantenendo poi una perfetta ciclicità ormonale nella donna? Infatti ora sono certo di sapere, in qualità di medico che si occupa di molte donne con ogni tipo di problemi mestruali e del tratto riproduttivo (ovaie, utero, mammelle),che la melatonina non è di per sé un ormone ma in realtà una specie di "regina di tutti gli ormoni", che controlla e dirige l'intera "orchestra ormonale". Questa impressionante storia mostra che i nemici della melatonina sono ovunque e che una vera scoperta si scontra con una feroce opposizione, ma per quanto

La mia opinione sulla melatonina e la sua natura intrinseca
Dopo lunghe riflessioni e meditazioni sui possibili meccanismi della melatonina e sul suo ruolo in natura, ho maturato la convinzione che la melatonina possiede molti livelli di attività, che sono stati acquisiti nel corso dell'evoluzione. Come usava commentare il grande scienziato e Laureato Nobel Sir Peter Medawar, che ho avuto la fortuna di conoscere molti anni fa (si interessava molto di ormoni e immunità): "Non sono le molecole che cambiano, ma semplicemente l'uso a cui vengono adibite dalla Natura". Ciò mi suggerisce che anche la melatonina, come le altre molecole che sto ora identificando oppure ho già trovato, posseggono certamente alcune attività di minor valore, come per esempio quella anti-ossidativa, o  di effetti mediati tramite appositi recettori nel cervello ma, essendo la melatonina una molecola antichissima nell'evoluzione della vita sul nostro pianeta, la sua vera natura è totalmente sconosciuta e va oltre le nostre conoscenze. Essa si colloca in epoche remote all'origine della vita, quando la luce e l'oscurità crearono "l'orologio della vita" in una dimensione di grande mistero e fascino: "E la luce fu!"La melatonina, grazie alla sua struttura ciclica, alla presenza di un gruppo acetile e di un gruppo metile, deve possedere potenziali bio-energetici misteriosi che siamo del tutto incapaci di percepire e di capire. E' veramente la scintilla della Creazione!Perciò non ci si deve meravigliare se il suo ruolo ed effetti non possono essere separati e dissociati da un grande numero di "specialisti", ma solo unificati da un biologo globale. Forse la prossima Conferenza di Stromboli sul Cancro e l'Invecchiamento, il prossimo anno, è l'occasione adatta e nel luogo appropriato (un vulcano!), per rivelare questa nuova dimensione della vita e della morte allo scopo che si possa adattare al meglio il triste destino del mammifero mortale chiamato Uomo. In fondo, la morte ad una tarda età e senza malattie,  e non ancora l'immortalità, sono il nostro fine ultimo!
spaziatore
torna in cima back top
spaziatore
La sfida suprema e la mia scommessa per il futuro
Cosa avverrà? Scommetto che solo un numero molto limitato di persone diverrà pienamente conscio del semplice "messaggio della melatonina" perché la complicazione della Natura e non la sua interpretazione logica è la moda corrente! Dato che il divario tra quelli che capiscono e gli ostinati (biechi e ciechi) oppositori si allarga ogni giorno di più, lasciamo che il tempo passi e vediamo cosa succede. Mi sento di dire che noi siamo ormai di gran lunga "oltre la melatonina", in quanto la melatonina è riuscita ad illuminare la nostra mente, permettendoci di eludere la trappola riduzionistica della "scienza moderna". Nello stesso tempo l'uso costante della melatonina che protegge la nostra pineale e prolunga la nostra vita priva di malattie, ci concede più tempo per capire e per applicare a persone gravemente ammalate, la benedizione della nostra Medicina Innovata, anche facendo uso di quelle molecole che emergono dopo miliardi di anni dalla "palude cerebrale" e che, come la melatonina, mantengono tuttora il potere curativo conferito loro da Madre Natura nel corso dell'evoluzione agli albori della vita.Non sono medicine, sono la vita stessa! Ma questa è un'altra storia…….


References
1)  W. Pierpaoli  &  W. Regelson, with Carol Colman:The Melatonin Miracle.
Nature's Age-Reversing, Disease-Fighting, Sex-Enhancing Hormone" . Simon & Schuster,New York, 1995 (tradotto in 17 lingue).
2)  W. Pierpaoli & Pippo Zappulla: 120 and Longer, Average. Vivere Bene, Invecchiare Giovani e Morire Sani. Chrono-Med, Collana Arcadia, Brescia, Italy, 2003.
3)  W. Pierpaoli & N.H. Spector, Editors: Neuroimmunomodulation: Interventions in Aging
and Cancer. First Stromboli Conference on Aging and Cancer. Ann. N.Y. Academy 
Sci., 521, 1988.
4)  W. Pierpaoli & N. Fabris, Editors: Physiological Senescence and its Postponement: Theoretical Approaches and Rational Interventions. Second Stromboli Conference on Aging and Cancer. Ann. N.Y. Acad. Sci., 621, 1991.
5)  W. Pierpaoli, W. Regelson & N. Fabris, Editors. The Aging Clock. Third Stromboli
Conference on Aging and Cancer. Ann. N.Y. Acad. Sci. 719, 1994.
6)  A. Montagu: Growing Young. McGraw-Hill Book Company, New York, 1983.
7)  W. Pierpaoli:  Integrated Phylogenetic and Ontogenetic Evolution of Neuroendocrine and Identity-Defence, Immune Functions. In: Psychoneuroimmunology
(R. Ader, Editor), Academic Press, New York, pp. 575-606, 1981.
8)  W. Pierpaoli, A. Dall'Ara, E. Pedrinis  &  W. Regelson: The Pineal Control of Aging.The Effects of Melatonin and Pineal Grafting on the Survival of Older Mice. Ann. N.Y. Acad. Sci. 621, 291, 1991.
9) W. Pierpaoli & W. Regelson: Pineal Control of Aging: Effect of Melatonin and Pineal Grafting on Aging Mice. Proc. Natl. Acad. Sci. USA, 91, 787, 1994.
10)  F.W. Turek: Melatonin Hype Hard to Swallow. Nature 379, 295, 1996.
11)  S.M. Reppert & D.R. Werner: Melatonin Madness. Cell 83, 1050, 1995.
12)  V. M. Dilman: The Law of Deviation of Homeostasis and Diseases of Aging.
H.T. Blumenthal, Editor. John Wright PSG, Inc. Boston, 1981.
13)  W. Pierpaoli & V.Lesnikov: Theoretical Considerations on the Nature of the Pineal
"Aging Clock". Gerontology 43, 20, 1997.
14)  W. Pierpaoli: The Pineal Gland: a Circadian or Seasonal Aging Clock? (Editorial)
Aging 3, 99, 1991.
15)  W. Pierpaoli & D. Bulian: The Pineal Aging and Death Program. I. Grafting of Old Pineals in Young Mice Accelerates their Aging. J. Anti-Aging Med. 4, 31, 2001.
16)  W. Pierpaoli & G. Maestroni: Neuroimmunomodulation: some Recent Views and Findings. Int. J. Neurosci. 39, 165, 1988.
17)  W. Pierpaoli, H.G. Kopp, J. Mueller  &  M. Keller:  Interdependence between neuroendocrine programming and the generation of immune recognition in ontogeny.Cell. Immunology 29, 16, 1977.
18)  P. Bianchi, W. Pierpaoli, D. Bulian, & E. Ilyia:  Effects of Melatonin in Perimenopausal and Menopausal Women: a Randomized and Placebo-Controlled  Study. Exp. Gerontology 36, 297, 2001.



spaziatore
torna in cima back top
spaziatore
© Dr. Pierpaoli - Tutti i diritti riservati - Credits - Contact