spaziatore

Perché si invecchia e si muore?

spaziatore
Melatonina, zinco e ormoni ci dicono perché, come e quando La scoperta che l'invecchiamento è frenabile e persino reversibile non ha ancora raggiunto la coscienza di molti. Infatti il lavaggio del cervello dalla nascita ci ha inculcato una visione precisa e indelebile del nostro destino, ove la presenza costante di malattie, ansie  e  dolori  fa parte del "destino" dell'Uomo. Inoltre, le tormentate vicende del nostro brevissimo periodo storico di poche migliaia di anni, hanno creato un alone di tabù attorno alla parola immortalità. Nessuno osa pensare che possa realizzarsi nella vita.  Per chi possiede la fede, l' immortalità  è quella dell'anima, come resurrezione dopo la  morte per entrare in un non ben definito mondo spirituale pieno di estasi e godimenti. 

Contrariamente agli Occidentali,  gli antichi indù già almeno 5000 anni fa seguivano invece le pratiche e le scienze che senza remore o pregiudizi parlavano di eternità terrena.  Tutto questo  suona a noi come delirio.  Invece, a mio avviso, è delirante il non vedere o sentire l'angusta dimensione nella quale siamo immersi  che ci preclude, assieme ai dogmi  vigenti, la libertà di pensiero che è privilegio dell'Uomo. Sia l'invecchiamento che la morte sono due entità separate e distinte che non hanno nulla di misterioso e che semplicemente fanno parte di un preciso programma ormonale! Tale programma  è chiaramente identificabile nella massima durata della vita nei mammiferi omeotermi (a sangue caldo) a cui l'Uomo purtroppo appartiene. Infatti non si sa bene quanto a lungo vivano e perché muoiano i poichilotermi, vale a dire gli animali a sangue freddo (pesci, rettili, anfibi).

I cicli planetari e quelli ormonali.  I segnali che ritmano la nostra vita dalla nascita alla morte sono quelli  circadiani e stagionali, in particolare la luce e la temperatura. Tutto ruota attorno a queste condizioni primarie che regolano ogni istante del nostro ciclo vitale: nascita, crescita, fertilità, declino e morte. Tali segnali scandiscono precisamente i programmi ormonali che si sono sviluppati durante l'evoluzione del mammifero Uomo. Noi siamo quindi totalmente guidati e condizionati dalla regolazione ormonale che viene pilotata dalla ritmicità planetaria. Infatti l'invecchiamento è totalmente e solamente dovuto alla rottura di tale relazione sincronica ai ritmi planetari-ormonali, che viene regolata dalle strutture del sistema nervoso facenti parte del circuito cerebrale  ipotalamo-ipofisi-pineale, che integra e sincronizza i cicli notte-giorno della sintesi e secrezione di tutti gli ormoni. Ciò è talmente ovvio che ognuno è in grado, vivendo immerso nell'ambiente terrestre, di rendersi conto che il condizionamento ambientale (aria, luce, temperatura, eccetera)  ed il nostro costante adeguamento ad esso sono fondamentali per respirare e vivere.

Gli ormoni, e tutte le molecole del corpo seguono strettamente tale ciclicità,  che è la base della salute. L' invecchiamento dell'Uomo è quindi certamente legato ad un programma genetico, ma  l'espressione di tale programma è la periodicità  circadiana del sistema ormonale! Infatti l'invecchiamento è solo e semplicemente il declino progressivo o rapido (malattie)  della ciclicità ormonale legato al programma iscritto geneticamente nel complesso pinealico. Questo noi lo abbiamo dimostrato con inconfutabili esperimenti scientifici (vedi riferimenti bibliografici)

Quindi, se noi potessimo evitare la perdita della ciclicità ormonale programmata, non potremmo invecchiare. E la morte?  La morte è legata al programma invecchiamento ma essa è un programma separato, come risulta da esperimenti di trapianto di pineale e di pinealectomie, da noi condotti e pubblicati sul Journal of Anti-Aging Medicine negli Stati Uniti e riportati recentemente nel Volume degli Atti della Quarta Conferenza di Stromboli sul Cancro e l'Invecchiamento, 2005.  

Si può quindi giungere (anche in buona salute) a 120-130 anni e non più. Perché?  Perché a questo punto interviene un "orologio della morte" che scandisce la fine programmata della vita e che è indipendente dall'invecchiamento. L'interpretazione del "messaggio morte" è un altro  traguardo di noi "mortali" e anche in questo non c'è nulla di misterioso o blasfemo!  Sembra, dai nostri esperimenti in corso con i roditori, che il "messaggio di morte" sia molto potente ed in grado di annullare ogni altro intervento. Infatti riteniamo che sia un "programma" neuroendocrino (ormonale) legato al mantenimento della temperatura corporea.

Melatonina, zinco e ormoni.  I nostri studi sperimentali e clinici che continuano da molti anni mostrano progressivamente, non solo il nostro isolamento scientifico e i turpi ostacoli posti alle nostre scoperte, ma la fondatezza della nostra logica evolutiva e biologica.  Gli ostacoli che ci vengono posti  sono di natura socio-economica. L'appiattimento e scomparsa del picco notturno di melatonina e la costante diminuzione dei livelli dello zinco nel sangue nel corso della senescenza  sono i segnali precisi  del decadimento del controllo ormonale delle nostre funzioni essenziali come per esempio il sonno, la forza fisica, l'adattamento alla temperatura, il vigore sessuale, la resistenza alle infezioni e così via.

Tutte queste funzioni sono sotto stretto controllo ormonale. A loro volta, i cicli e ritmi ormonali del giorno e della notte sono sotto stretto controllo degli impulsi della pineale, che integra e rispedisce i messaggi alle ghiandole endocrine.  Lo zinco, che è tra gli elementi minerali più diffusi  sulla crosta terrestre dopo il ferro, ha acquisito un incredibile numero di funzioni biologiche strettamente legate alla funzione direttiva della ghiandola pineale. Quindi noi possiamo puntare su tali segnali per controllare il corso dell'invecchiamento e per correggerlo in tempo. Mi si obietterà: ma perché  lo zinco? Il binomio melatonina-zinco è la base biologica della re-sincronizzazione del sistema ormonale semplicemente perché  tale associazione, come da noi dimostrato, dà inizio ad una serie di eventi a catena che automaticamente ristabilizzano l'equilibrio ormonale perduto. Abbiamo infatti scoperto una chiave biologica fondamentale che ci permette di frenare l'invecchiamento. Il mantenimento della integrità della ghiandola pineale con melatonina e zinco ( associato alla melatonina nella sua forma di sale organico, orotato  nel nostro caso) permette alla melatonina di esercitare in modo ottimale la sua funzione  con un meccanismo che fa capo alla sua struttura elettronica. Molte altre forme o sali di zinco non vengono infatti assorbite e sono inerti!  In tal modo si assiste ad un rapido recupero di tutte le funzioni e parallelamente ad un riequilibrio psico-somatico completo. Quindi: l'invecchiamento è perfettamente frenabile e reversibile con la melatonina purissima associata allo zinco orotato che mantiene la funzione della pineale e ricostituisce rapidamente tutti i ritmi ormonali.

Chiaramente altre molecole seguiranno, che fanno capo alla ghiandola pineale. Solo rallentando e bloccando l'invecchiamento potremo arrivare presto a capire cosa è la morte, ed a sfidare quindi  la Grande Nemica. E' una libera scelta dell'"Uomo che pensa"  prendere la strada della Fede o quella della Conoscenza che, come diceva Paracelso "è indissolubilmente legata all'Amore", inteso come forza  positiva di ogni azione umana.
spaziatore