spaziatore

ProVision

spaziatore

ProVision® è una mia innovativa formulazione, un integratore utile per il mantenimento della capacità visiva e per il benessere della vista

spaziatore

Provision:

  • è utile per il benessere della vista;
  • contribuisce al mantenimento della capacità visiva;
  • contribuisce alla protezione dallo stress ossidativo;
  • aiuta a completare l’integrazione nutrizionale dell’apparato visivo (retina, macula e cristallino); 
  • aiuta a mantenere in buone condizioni l’apparato visivo;
  • migliora le problematiche legate all’affaticamento visivo
  • sviluppato sulla base di uno studio clinico condotto sulle persone che vanno incontro alla degenerazione maculare correlata all’età.

 

 

Da quasi 50 anni studio le patologie legate alla retina e i danni provocati dalla luce diretta eccessiva sulla funzione respiratoria della retina e ho pubblicato lavori riconosciuti a livello internazionale, già a partire dal 1961.

La formulazione ProVision® è stata creata con l’intento di provvedere integralmente alle esigenze metaboliche ed ossidative degli occhi in generale, e della retina in particolare ed è stata sviluppata sulla base di uno studio clinico.


Computer, televisione, videogiochi, luci artificiali per ore, ma anche scarsa umidità negli ambienti affaticano e stressano i nostri occhi. In particolare “usurano” e “consumano” le cellule visive della retina, che sono avide di ossigeno e di minerali e, se sollecitate da luce variabile e intensa di varie lunghezze d’onda, tendono a degenerare.


spaziatore

I nostri occhi non sono stati creati per essere così sfruttati.

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità il 41% dei casi di cecità, anche solo parziale, che si verificano negli Stati di maggior benessere è dovuto alla degenerazione maculare. Secondo gli ultimi dati inoltre, ben nove persone su dieci che usano abitualmente il computer per lavorare, studiare o giocare, sono destinate a sviluppare almeno un disturbo visivo.

Negli ultimi anni è cresciuto il numero di adulti che devono fare i conti con le conseguenze delle troppe ore passati davanti al monitor dei PC e il problema sembra interessare circa l’88% degli individui. In base ai dati di un recente sondaggio condotto nei principali paesi europei e negli Stati Uniti, la maggior parte delle persone non è a conoscenza e sottovaluta i rischi legati all’esposizione continuata ai monitor dei PC. In Italia, in particolare, la prevenzione è spesso sottovalutata. La legge impone l’obbligo di controlli per coloro che utilizzano il computer in ambito lavorativo, controlli che servono a dare una valutazione di tipo medico e a compilare un documento per la previsione dei rischi.
Purtroppo troppo spesso queste normative vengono disattese.

Non ci pensiamo, ma anche gli ambienti in cui viviamo e che frequentiamo possono essere dannosi per la vista. In discoteca, ad esempio, sono molto dannose le ripetute frequenze variabili di varie lunghezze d’onda, che non sono “digerite” dall’occhio, abituato per millenni ai lucignoli e alle candele.

Anche il riscaldamento dei locali produce un’enorme secchezza e disidratazione degli occhi, irritazione delle congiuntive e danni al Corpo Vitreo. La guida dell’auto, di giorno e di notte, richiede all’occhio uno sforzo continuo di attenzione e adattamento a luce e distanze. Inoltre la visione notturna richiede un adattamento operato da cellule retiniche i cui pigmenti sono necessari per la visione crepuscolare, come nel caso dei gatti, dotati di tale potere visivo notturno.

 

Da quasi 50 anni studio le patologie legate alla retina e i danni provocati dalla luce eccessiva diretta sulla funzione respiratoria della retina, e ho pubblicato lavori riconosciuti a livello internazionale, già a partire dal 1961.
La Formula ProVision® Pierpaoli è stata creata con l’intento di provvedere all'integrazione delle esigenze metaboliche ed ossidative degli occhi in generale, e della retina in particolare.
Poiché è difficile correggere tutte le nostre abitudini ed esigenze lavorative, dobbiamo aiutare i nostri occhi con il giusto apporto di sali minerali e il supporto di validi principi attivi.


ProVision® aiuta l’integrazione nutrizionale dell’apparato visivo contenendo gli elementi necessari alla salute dei nostri occhi. 

 

L'apposita formulazione con LUTEINA, MIRTILLO NERO ESTRATTO SECCO TITOLATO IN ANTOCIANI, ZEAXANTINA, ASTAXANTINA, MELATONINA, VITAMINA A, VITAMINA E, SELENIO, ZINCO utile per il benessere della vista; nutre l’occhio, la retina, la macula e il cristallino; contribuisce al mantenimento delle buone condizioni dell’apparato visivo; migliora le problematiche legate all’affaticamento visivo

.


spaziatore

ProVision e la degenerazione maculare della retina
 

La degenerazione maculare della retina correlata all’età (AMD) è una patologia che colpisce la macula (la parte più centrale della retina). È considerata oggi la causa principale della perdita della visione centrale (cecità) e, nei paesi industrializzati, è tra le prime cause di perdita di acuità visiva nei soggetti di età superiore ai 50 anni.

La forma secca è quella più diffusa (85% dei pazienti) rispetto a quella umida (15%). Chi ne è colpito presenta una diminuzione della vista nella zona centrale del campo visivo e/o una deformazione delle immagini. L’AMD ha un andamento progressivo e può portare alla perdita completa e irreversibile della visione centrale (la completa cecità è comunque un caso raro).


ProVision® è stato sviluppato sulla base di uno studio clinico condotto sulle persone che vanno incontro alla degenerazione maculare correlata all’età.Mentre i ricercatori autori stanno proseguendo con ulteriori studi allo scopo di confermare i risultati, essi concludono unanimemente che l’integrazione con ProVision® nella popolazione in età avanzata sarebbe quanto mai benefica per  le persone che vanno incontro alla degenerazione maculare correlata all’età.


 

 

I vantaggi dell’integrazione  secondo lo studio
 

  • Contribuisce al controllo della pigmentazione dell’occhio regolando la luce che raggiunge i fotorecettori 
  • Contribuisce all’eliminazione degli idrossi radicali tossici
  • Contribuisce alla protezione dell’epitelio retinico dal danno ossidativo 
  • Ottima tolleranza e facile assunzione in quanto ad uso orale 

spaziatore

Una compressa mezz’ora prima di andare a letto, preferibilmente tra le ore 22.00 e le 24.00.

spaziatore
..
spaziatore

Riferimenti bibliografici

   

  1. Hussein G et al. Astaxanthin, a carotenoid with potential in human health and nutrition. J Nat Prod. 2006 Mar;69(3):443-9. Review. 
  2. Stahl W. Macular carotenoids: lutein and zeaxanthin. Dev Ophthalmol. 2005;38:70-88. Review. 
  3. Dwyer JH, Paul-Labrador MJ, Fan J, Shircore AM, Merz CN, Dwyer KM. Progression of carotid intima-media thickness and plasma antioxidants: the Los Angeles Atherosclerosis Study. Arterioscler Thromb Vasc Biol. 2004 Feb;24(2):313-9. 
  4. Ribaya-Mercado JD, Blumberg JB. Lutein and zeaxanthin and their potential roles in disease prevention. J Am Coll Nutr. 2004 Dec;23(6 Suppl):567S-587S. Review. 
  5. Richer S, Stiles W, Statkute L, Pulido J, Frankowski J, Rudy D, Pei K, Tsipursky M, Nyland J . Double-masked, placebo-controlled, randomized trial of lutein and antioxidant supplementation in the intervention of atrophic age-related macular degeneration: the Veterans LAST study (Lutein Antioxidant Supplementation Trial). Optometry. 2004 Apr;75(4):216-30. 
  6. PANG, S.F. & D.T. YEW. 1979. Pigment aggregation by melatonin in the retinal pigment epithelium and choroid of guinea pigs cavia porcellus. Experientia 35: 213 – 233.
  7. Hartmann D, Thurmann PA, Spitzer V, Schalch W, Manner B, Cohn W. Plasma kinetics of zeaxanthin and 3'-dehydro-lutein after multiple oral doses of synthetic zeaxanthin. Am J Clin Nutr. 2004 Mar;79(3):410-7. 
  8. LIANG, F.Q., L. GREEN, C. WANG, et al. 2004. Melatonin protects human retinal pigment epithelial (RPE) cells against oxidative stress. Exp. Eye Res. 78: 1069 – 1075.  
  9. Stringham JM, Hammond BR Jr. Dietary lutein and zeaxanthin: possible effects on visual function. Nutr Rev. 2005 Feb;63(2):59-64. Review. 
  10. TOUITOU, Y., P. LE HOANG, B. CLAUSTRAT, et al. 1986. Decreased nocturnal plasma melatonin peak in patients with a functional alteration of the retina in relation with uveitis. 70: 170 – 174. 
  11. PIERPAOLI, W., A. DALL’ARA & E. PEDRINIS. 1991.  The pineal control of aging: the effects of melatonin and pineal grafting on the survival of old mice. Ann. N.Y. Acad. Sci. 620: 291 – 313. 
  12. SCHER, J., E.WANKIEWICZ, G.M.BROWN, et al. 2003. AII amacrine cells express the MT1 melatonin receptor in human and macaque retina. Exp. Eye Res. 77: 375 – 382. 
  13. WIECHMANN, A.F. & C.R. WIRSIG- WIECHMANN. 1994. Melatonin receptor distribution in the brain and retina of a lizard, Anolis carolinensis. Brain Behav. Evol. 43: 26 – 33. 
  14. REDBURN, D.A. & C.K. MITCHELL. 1989. Darkness stimulates rapid synthesis and release of melatonin in rat retina. Visual Neurosci. 3: 391 – 403. 
  15. CAHILL, G.M. & J.C. BESHARSE. 1992. Light- sensitive melatonin synthesis by Xenopus photoreceptors after destruction of the inner retina. Visual Neurosci. 8: 487 – 490. 
  16. BANAS, I., B. BUNTNER & T. NIEBROJ. 1995. Levels of melatonin in the serum of patients with retinitis pigmentosa. Klin. Oczna 97: 321 – 323.   
spaziatore
Informazioni su dove acquistare i prodotti Pierpaoli.
spaziatore

Disclaimer: Le informazioni qui presenti riguardano rigorosamente il parere del prof. Walter Pierpaoli ed hanno uno scopo informativo ed educativo. Le informazioni presenti intendono supportare, e non sostituire, la relazione esistente tra il paziente/visitatore del sito e il suo medico di riferimento, e in nessun caso possono costituire una diagnosi o intendersi sostitutive di una visita medica. Il prof. Pierpaoli non si assume responsabilità per eventuali conseguenze sanitarie di qualsiasi persona che legga e segua le informazioni contenute in questo sito. Tutti i lettori di questo contenuto, specialmente quelli che assumono farmaci da prescrizione o over-the-counter, devono consultare i loro medici prima di iniziare qualsiasi programma nutrizionale, supplementare o di stile di vita. I contenuti qui presenti sono conformi alle linee guida inerenti l’applicazione degli artt. 55, 56, 57 del nuovo Codice di Deontologia Medica e sono rivolti a pubblico generico.