Ritorna

spaziatore
Articoli, Studi

la Paralisi della Medicina. Cap. III

Le Transferrine

Oltre che portatrici di ferro, le transferrine recano i marcatori della nostra personale genetica!

cellula embrionale
globuli rossi

L’epopea della scoperta delle transferrine merita un intero e leggendario libro. Mi limito qui a tracciare il percorso di oltre 25 anni di durissimo lavoro sperimentale che, partendo da una mia intuizione sulla necessaria presenza di molecole nel midollo osseo atte al controllo endogeno della proliferazione emopoietica, ha portato mediante una infinita serie di trapianti, alla scoperta nel midollo sospeso in mezzo di cultura, di un elemento  da me chiamato Marrow Regulating Factor (MRF) che aggiunto al midollo di un donatore di ceppo diverso e geneticamente incompatibile, induceva  nel recipiente immunosoppresso il cosiddetto chimerismo, vale a dire l’accettazione senza rigetto del midollo dal ceppo geneticamente incompatibile. Tale straordinaria osservazione mi indusse a ritenere che  l’MRF contenesse molecole del donatore atte a indurre il chimerismo emopoietico nel recipiente incompatibile! Dopo anni di lavoro in collaborazione con l’Istituto Choay di Parigi ed in seguito con la SCLAVO di Siena, scoprii che le molecole che trasferivano la genetica del donatore al recipiente erano le transferrine! 

Tale sensazionale scoperta fu comunicata come risulta dalle pubblicazioni. Quindi le transferrine sono ben altro che solo portatrici di ferro, bensì recano i marcatori della nostra personale genetica!  Tale enorme scoperta costata 30 anni di lavoro e immense spese, fu bloccata nel 2000 alla vigilia dell’applicazione clinica a Seattle, negli USA, dal ministro italiano Sirchia che negò il dovuto appoggio con la memorabile frase: “Io non credo alle molecole naturali”. Ogni commento è superfluo e segnala una ennesima e ignobile Tragedia Italiana. Il lavoro alla vigilia della delibazione al Ministero della Salute si arrestò tragicamente nell’anno 2000.






Riferimenti scientifici ridotti

 

Pierpaoli, W. and Maestroni, G. A new pre-irradiation conditioning regimen which protects against radiation injury and facilitates engraftment of xenogeneic bone marrow. Scand. J. Haematol. 22, 165-172, 1979. 

Pierpaoli, W. and Maestroni, G. Prevention of graft-versus-host disease and induction of chimerism in lethally irradiated mice reconstituted with rat bone marrow. J. Clin. and Lab. Immunol. 2, 125-132, 1979. 

Pierpaoli, W. and Maestroni, G. Induction of enduring allogeneic bone marrow chimerism in rabbits via soluble marrow-derived components. Immunol. Let. 1, 255-258, 1980. 

Pierpaoli, W., Maestroni, G. and Sache, E. Enduring allogeneic marrow engraftment via nonspecific bone marrow-derived regulating factors (MRF). Cell. Immunol. 57, 219-228, 1981. 

Pierpaoli, W. and Maestroni, G. Enduring allogeneic and xenogeneic hemopoietic engraftment via marrow-derived regulating factors (MRF). In: Tolerance in Bone Marrow and Organ Transplantation (Edited by S. Slavin) pp 403-414. Elsevier, Amsterdam, 1984.

Pierpaoli, W. Immunoregulatory and morphostatic function of bone marrow-derived factors. In: Neural Modulation of Immunity (Edited by R. Guillemin, M. Cohn and T. Melnechuk) pp 205-220. Raven Press, New York, 1985. 

Pierpaoli, W., Kellerhals, R., Buehler, A. and Sache, E. Experimental manipulations and marrow- derived factors which affect the outcome of bone marrow transplantation across the H-2 barrier in lethally irradiated mice. J. Clin. Lab Immunol. 16, 115-124, 1985. 

Pierpaoli, W., Balakrishnan, J., Maestroni, G., Sache, E. and Choay, J. Bone marrow: a "morphostatic brain" for control of normal and neoplastic growth. Experimental evidence. Ann. N.Y. Acad. Sci. 521, 300-311, 1988. 

Deeg, H.J., Pierpaoli, W., Arrighi, S., Seidel, K., Graham, T., Huss, R. Yu, C., Myerson, D., Schuening, F. and Storb, R. Facilitation of DLA-incompatible marrow grafts by donor-derived transferrin? Transplant Immunol. 4, 113-116, 1996.

Pierpaoli, W., Lesnikov, V.A., Lesnikova, M.P., Arrighi, S. and Bardotti, A. Specific xenogeneic (human) tolerance in immunosuppressed mice by combined donor-derived human transferrin and antigens. Transpl. Proc. 28, 711-712, 1996.

Pierpaoli, W., Lesnikov, V.A., Lesnikova, M.P. and Arrighi, S. Donor-derived plasma transferrin facilitates the engraftment of xenogeneic (rat) bone marrow in irradiated mice. Bone Marrow Transplantation 18, 203-207, 1996.

Pierpaoli, W. Overcoming the histocompatibility barrier. Transferrins as carriers and modulators of immunogenic identity. Cell Transpl. 7, 541-548, 1998.

Pierpaoli W., Bulian, D. and Arrighi, S. Transferrin treatment corrects aging-related immunologic and hormonal decay in old mice. Exp. Gerontol. 35, 401-408,  2000.


cellula embrionale
11 Novembre 2017
spaziatore

Disclaimer: Le informazioni qui presenti riguardano rigorosamente il parere del prof. Walter Pierpaoli ed hanno uno scopo informativo ed educativo. Le informazioni presenti intendono supportare, e non sostituire, la relazione esistente tra il paziente/visitatore del sito e il suo medico di riferimento, e in nessun caso possono costituire una diagnosi o intendersi sostitutive di una visita medica. Il prof. Pierpaoli non si assume responsabilità per eventuali conseguenze sanitarie di qualsiasi persona che legga e segua le informazioni contenute in questo sito. Tutti i lettori di questo contenuto, specialmente quelli che assumono farmaci da prescrizione o over-the-counter, devono consultare i loro medici prima di iniziare qualsiasi programma nutrizionale, supplementare o di stile di vita. I contenuti qui presenti sono conformi alle linee guida inerenti l’applicazione degli artt. 55, 56, 57 del nuovo Codice di Deontologia Medica e sono rivolti a pubblico generico.